A A A

A Cassino ingegneri ed esperti da tutto il mondo a confronto

Nello stabilimento FCA si è svolto “Insight”, workshop organizzato dall’Automotive Circle International sulle ultime novità legate alla carrozzeria, all’assemblaggio e alla verniciatura

Lun 11 dicembre 2017


L’Automotive Circle International (ACI) è un’associazione tedesca, considerata la più importante piattaforma di networking e confronto a livello mondiale nel campo della progettazione e produzione  della scocca del veicolo. È composta da esperti e leader provenienti da tutte le case automobilistiche del mondo che contribuiscono alla definizione e all’organizzazione di conferenze nell’ambito della carrozzeria del veicolo: dalla  progettazione alle tecnologie di giunzione, dai materiali alla verniciatura…

L’"EuroCarBody" è una di queste conferenze, sicuramente la più importante. Negli anni ha assunto una doppia valenza. Con circa 600 partecipanti provenienti da tutto il mondo, oltre a essere il più grande hub internazionale che coinvolge tutte le discipline inerenti  lo sviluppo della scocca e dei suoi sistemi (progettazione, pianificazione, produzione…), è anche una competizione che assegna un riconoscimento per la miglior scocca dell’anno. Una sorta di premio Oscar a cui si partecipa su nomination. Fiat Chrysler Automobiles si è aggiudicata questo prestigioso riconoscimento nel 2016, grazie all’Alfa Romeo Giulia.

Un altro importante “format” dell’Automotive Circle International è “Insight”: si tratta di un workshop della durata di un paio di giorni – normalmente organizzato all’interno degli stabilimenti dei costruttori automobilistici – il cui focus si concentra sulle ultime novità legate alla carrozzeria, all’assemblaggio e alla verniciatura. Durante questo seminario si svolgono presentazioni dettagliate e discussioni di gruppo che coinvolgono i principali produttori di automobili e i fornitori di sistemi. "Insight" si conclude con una vista negli impianti di produzione.

A novembre, questo evento è stato organizzato e ospitato per la prima volta da FCA, all’interno dello stabilimento di Cassino, con il coinvolgimento di un centinaio di esperti del settore provenienti da tutto il mondo. A fare i padroni di casa per FCA e a coordinare la definizione del programma tecnico sono stati Luigi Galante (responsabile di Manufacturing Premium Brands), Roberto Fedeli (responsabile tecnico di Maserati/Alfa Romeo) e Antonio Fuganti (responsabile della sede di Trento del CRF).

Durante il workshop sono state 16 le presentazioni specifiche di costruttori (oltre a FCA: Daimler, Opel, Jaguar, Land Rover, Renault, PSA…) e di alcuni fornitori, grazie alle quali sono stati approfonditi argomenti come: le strategie di flessibilità dell’architettura, compresi i veicoli BEV; le prospettive future sull’evoluzione della strategia multi-materiali e di giunzione; l’assemblaggio delle parti mobili; nuove soluzioni di materiali compositi (CFRP e TP) strutturali per la produzione di massa; l’approccio all’Industry 4.0 e alla digitalizzazione.

Nella mattinata del secondo giorno dell’evento è stata organizzata la visita dell’impianto di Cassino, con i partecipanti che – dopo essersi intrattenuti lungo le linee di produzione delle Alfa Romeo Giulia e Stelvio – hanno espresso un parere molto positivo sull’evento che ha permesso di mettere in evidenza  e riconoscere l’elevato livello tecnico e tecnologico dei nuovi modelli Alfa Romeo e dell’impianto di produzione.

 



Commenti

Scrivi il tuo commento

Inserisci il tuo nome ed indirizzo email per commentare

Invia

Compilando il campo "nome" o "e-mail" si acconsente a rendere pubblici i propri dati nella pagina dei commenti. I messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.


Post correlati