A A A

La bellezza necessaria: Alfa Romeo 33 Stradale

L'icona del Marchio compie 50 anni e per festeggiarla il Museo Storico Alfa Romeo di Arese inaugura una mostra temporanea in 33 tappe. Seguiranno altri eventi organizzati insieme con il Marchio ed FCA Heritage

Mer 30 agosto 2017


Oggi la 33 Stradale compie 50 anni. Venne infatti presentata il 31 agosto 1967, alla vigilia del GP d'Italia di Formula 1, presso l'Autodromo di Monza, come massima espressione del legame fra il mondo delle corse e le auto da strada. Un connubio suggellato dalla presenza del quadrifoglio, il simbolo utilizzato per la prima volta da Ugo Sivocci nel 1923 e adottato, a partire dagli anni Sessanta, sulle Alfa Romeo dalle prestazioni sportive più marcate.

La bellezza immortale della 33 Stradale disegnata da Franco Scaglione e la tecnologia derivata direttamente dalla Tipo 33, ne fanno una delle icone del Marchio, fascinosa rappresentante di una famiglia di vetture nate per vincere.

Alla 33 Stradale e più in generale al progetto 33, il Museo Storico Alfa Romeo di Arese dedica una mostra temporanea dal titolo "33, la bellezza necessaria", un itinerario in 33 tappe che ne ripercorre la storia, i protagonisti, i successi.

In esposizione, oltre al prototipo della 33 Stradale, alcuni concept derivati dal suo telaio: Carabo, Iguana, 33/2 Speciale, Cuneo e Navajo. E ancora, le vetture da corsa 33/2 Daytona , la 33/3, la 33 TT12 e la 33 SC12 turbo.

La rassegna di Arese (aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18, tranne il martedì) è la prima di una serie di eventi che il Museo, insieme con il Marchio ed FCA Heritage dedicheranno al 50° anniversario della 33 Stradale, per evidenziare come la storia, inesauribile fonte di ispirazione per la creazione dei nuovi modelli, e il futuro viaggino in perfetto equilibrio con l'intento di mantenere vivo il "DNA" di ogni modello Alfa Romeo.



Commenti

Scrivi il tuo commento

Inserisci il tuo nome ed indirizzo email per commentare

Invia

Compilando il campo "nome" o "e-mail" si acconsente a rendere pubblici i propri dati nella pagina dei commenti. I messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.


Post correlati