A A A

L’innovazione di FCA al “G7 Trasporti” di Cagliari

Le attività del CRF a supporto dello sviluppo di un sistema di mobilità

Gio 22 giugno 2017


Le attività del CRF a supporto dello sviluppo di un sistema di mobilità sempre più intelligente sono state selezionate per l’esposizione alla manifestazione "Nice to Meet You G7!", l’iniziativa di presentazione delle “buone pratiche” nazionali organizzata dalla Presidenza Italiana del G7 nell’ambito dell’incontro dei Ministri dei Trasporti che si svolge a Cagliari il 21 e 22 giugno.

All’evento ha partecipato Antonio Fuganti, responsabile della sede CRF di Trento, che ha presentato il sistema denominato “Orizzonte cooperativo” sviluppato da CRF ed FCA. Il sistema utilizza le tecnologie di posizionamento preciso e di comunicazione veicolo-veicolo e veicolo-infrastruttura per rilevare condizioni di pericolo all’interno di uno spazio più esteso rispetto al perimetro di controllo dell’autista e dei sistemi di controllo veicolo autonomi. Eventuali situazioni di allarme (e.g. frenate improvvise, ostacoli, veicoli fuori controllo) o opportunità di ottimizzazione della marcia (e.g. sincronizzazione con fasi semaforiche) sono rilevate e segnalate con tempestività all’autista.

FCA e CRF, in collaborazione con l’Autostrada del Brennero, sperimentano le tecnologie relative ai sistemi cooperativi nell’area di Trento. In sinergia con le iniziative europee C-ITS (Cooperative Intelligent Transport Systems), è prevista l’estensione del test site fino al valico del Brennero.

Per tutelare la sicurezza di tutti gli utenti della strada e ridurre l’impatto sull’ambiente della mobilità, l’Europa e gli Stati Uniti stanno immaginando e pianificando lo sviluppo di un sistema digitale per l’assistenza e il controllo dei veicoli. In questo contesto, l’esperienza e le competenze sui sistemi cooperativi sviluppate dal CRF costituiscono un’eccellenza a disposizione del Paese e di FCA.



Commenti

Scrivi il tuo commento

Inserisci il tuo nome ed indirizzo email per commentare

Invia

Compilando il campo "nome" o "e-mail" si acconsente a rendere pubblici i propri dati nella pagina dei commenti. I messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.


Post correlati